Commenti

Notizie false o false

Notizie false o false

I social network hanno favorito la nascita e l'espansione di notizie false o "notizie false " così inimmaginabile. Attualmente, ci vuole solo un computer o un telefono cellulare e una connessione Internet per iniziare a estendere una bufala. Nei nostri social network, in una certa stampa apparentemente seria, in ogni angolo della rete possiamo leggere notizie false. ma, Qual è lo scopo di tutto questo? Perché diffondere bufale? Qual è il nostro ruolo in tutto questo processo?

Sebbene sembri un fenomeno recente, notizie false sono in circolazione da anni, tuttavia, con l'esplosione dell'era di Internet, ora è più facile che mai diffondere questo tipo di informazioni. La cosa sorprendente è che le notizie false non ci arrivano solo dall'esterno, ma come vedremo più avanti, diventiamo anche agenti attivi.

contenuto

  • 1 Post-verità o post-verità
  • 2 tipi di informazioni errate
  • 3 Cosa possiamo fare per le notizie false?
  • 4 Riflessione finale

Pubblica verità o post-verità

Nel 2016, Oxford ha scelto il concetto "post verità" o "Post-verità"come la parola internazionale dell'anno. Ma cosa significa? È stato definito come "Circostanze in cui i fatti oggettivi influenzano la formazione dell'opinione pubblica meno dei riferimenti alle emozioni e alle credenze personali". Attraverso questa spiegazione, uno dei motivi per cui false notizie o notizie false Hanno così tanta credibilità. Questo è il fatto che quando ci sono notizie false, le persone che provano più affinità emotiva tendono a crederci anche se danno dati oggettivi al contrario.

Ad esempio, quando il partito politico X inventa una bugia sul partito politico Y, i seguaci del partito X tenderanno a credere più alla menzogna anche se il partito Y mostra con prove empiriche che si tratta di un'invenzione. Le credenze e le emozioni sono più simili alla festa di X e anche se vengono dati dati reali sulla menzogna, tenderanno a continuare a credere in X. Quindi, anche se è una bufala, avrà un effetto su un settore della popolazione.

Nuria Fernández-García (2017), sottolinea che il "i social network aiutano le teorie del complotto a persistere e crescere nello spazio virtuale, creando un ecosistema in cui la verità delle informazioni cessa di avere importanza". Indubbiamente, è un problema sempre più radicato. Fernández-García, riferendosi a false notizie in politica, aggiunge questo "Ciò che conta è se l'informazione si adatta a una determinata narrativa. In questo modo, è difficile costruire una sfera pubblica condivisa e il comportamento politico diventa imprevedibile ".

Tipi di cattive informazioni

Secondo la Federazione internazionale dei giornalisti (FID), ci sono sette tipi di informazioni errate:

  1. Satira o parodia. In questo caso è un'informazione che, nonostante sia falsa, non è destinata a causare inganno poiché è chiaramente identificata con una parodia.
  2. Contenuto ingannevole Questo aspetto è più delicato quando entriamo nella creazione di contenuti ingannevoli con l'intenzione di incriminare qualcuno o qualcosa. Le informazioni non devono necessariamente essere false, ma creano confusione.
  3. Contenuto dell'imposter. Consiste nel soppiantare le fonti originali. Ad esempio, quando l'account di un politico o una pagina di notizie viene falsificato e vengono pubblicate notizie false con l'intenzione di nuocere.
  4. Contenuto prodotto Il contenuto delle informazioni è nuovo e per lo più inventato. L'intenzione è di ingannare e danneggiare.
  5. Connessione falsa Quando i titoli o le immagini non corrispondono al contenuto delle notizie.
  6. Falso contesto. Quando il contenuto originale viene diffuso in un contesto falso. Ad esempio, quando un partito politico rilascia dichiarazioni controverse in un determinato momento, ma alcuni media le recuperano e le fanno accadere come attuali.
  7. Contenuto manipolato. Informazioni o immagini vengono manipolate per ingannare. Ad esempio, puoi offrire l'immagine di una persona che viene insultata per mostrarlo come vittima, ma potresti non vedere cosa è successo prima quando la persona offesa ha rimproverato altre persone. In questo caso, i protagonisti dell'immagine si sono insultati a vicenda ma viene offerta solo una parte. In questo modo, puoi mettere l'opinione pubblica contro un collettivo.

Le motivazioni dietro la falsa notizia

  1. Povero giornalismo
  2. Farsa.
  3. Provocazione.
  4. Passione.
  5. Partigianeria.
  6. Buon appetito.
  7. Potere o influenza politica.
  8. Propaganda.

Cosa possiamo fare per le notizie false?

Anche se sembra il contrario, Ognuno di noi ha un ruolo attivo in questo tipo di fenomeno. I social network sono un display perfetto per questa falsa notizia. Quelli di noi che hanno un social network, possiamo vedere che i nostri contatti diffondono falsi contenuti politici, rimedi miracolosi per malattie, diete che perdono molti chili in poco tempo ... La domanda è, Quanti contrappongono le informazioni prima di condividerle?

Un gran numero di persone legge le informazioni passivamente e senza atteggiamento critico: "Wow, un rimedio per perdere peso 8 chili in una settimana, lo condividerò". In questo modo, stiamo incoraggiando la diffusione di notizie false. Così, Il primo passo che possiamo fare è interrompere la condivisione di questo tipo di informazioni senza contrastarle.. È anche comune vedere la diffusione di una frase peggiorativa emessa da un politico. La cosa divertente è che a volte la stessa frase è attribuita a diversi politici allo stesso tempo.

Se il primo passo è interrompere la condivisione delle informazioni, la seconda misura, come accennato in precedenza, è contrastarla. Se qualche vantaggio ha l'era della "sovrinformazione" è la rapida consultazione dei dati. Pertanto, è meglio cercare informazioni da fonti specializzate. Se leggiamo che un politico ha pronunciato un discorso xenofobo durante una conferenza stampa, possiamo consultare diverse fonti per verificarlo. Ad esempio, possiamo guardare il video del politico (se disponibile). In questo modo sapremo se le informazioni sono vere o meno.

Riflessione finale

La nostra responsabilità è grande, quindi, come cittadini, possiamo assumere un ruolo più responsabile e iniziare a prenderci cura di ciò che condividiamo. Grazie a questo sforzo, possiamo fare in modo che questo tipo di notizie non circoli nel modo in cui lo fanno, poiché nella maggior parte dei casi cercano solo discredito e danni. Se sappiamo che l'informazione è una bugia, saremo complici; ma se non lo contrastiamo, anche. Questo non ha lo scopo di inoculare la colpa, ma la responsabilità. Per cosa se siamo consapevoli di avere una grande responsabilità, saremo molto più cauti nella condivisione delle informazioni.

Riferimenti

Federazione internazionale dei giornalisti: //www.ifj.org/es.html

Fernández-García, N. (2017). Fake News: un'opportunità per l'alfabetizzazione mediatica. New Society, 269, 66-77.

Video: Come si fa a guadagnare online con le Notizie FALSE e con il Sensazionalismo? (Luglio 2020).