Brevemente

Come posso beneficiare del mio cambiamento del cervello?

Come posso beneficiare del mio cambiamento del cervello?

Qualche anno fa, una back cover di uno dei media più importanti nel nostro paese, è balzata ai titoli della psicologia con un'intervista a François Ansermet (psichiatra dell'ospedale di Ginevra) in cui il grande titolo era: “Non possiamo pensarci due volte con lo stesso cervello. "

Devo dire che non solo come psicologo ma come persona mi mancava il tempo di decifrare quel titolo.

In sintesi ciò che questo psichiatra esprimeva era quello Qualsiasi esperienza che ci accade modifica il modo in cui elaboriamo le informazioni.

Questo fatto è davvero più che curioso, poiché se smettiamo di riflettere su di esso, è estrapolato che tutto ciò in cui viviamo il nostro "modello" quotidiano del nostro cervello.

contenuto

  • 1 Il nostro cervello sta cambiando?
  • 2 Come possiamo beneficiare di un cervello che cambia?
  • 3 parole come pillole per il nostro benessere
  • 4 Le parole sono abbastanza per cambiare il nostro cervello?

Il nostro cervello sta cambiando?

Abbiamo sentito tutti la frase di Pablo Neruda: “noi, quindi, non piùsiamo uguali”.

Davvero, è incredibile come Pablo Neruda in una frase ribelli a uno dei grandi pilastri della psicologia: Le esperienze ci influenzano sempre: a volte in modo positivo, emerge un apprendimento, a volte sotto forma di dolore e forse alcuni di noi potrebbero anche non esserne consapevoli.

La realtà è che è stato dimostrato che il cervello è in continua evoluzione. Il cervello non solo con l'età, con le relazioni che instauriamo ma con l'esperienza.

Diversi studi lo hanno rivelato l'esperienza modifica le connessioni cerebrali, vale a dire: è noto che tutte le informazioni che elaboriamo vengono eseguite attraverso circuiti neurali.

Il risultato di diversi studi ci mostra che ogni esperienza significativa provoca nel nostro cervello invece queste connessioni sinaptiche, quindi i percorsi delle informazioni elaborate dal nostro cervello non smettono di cambiare.

Come possiamo beneficiare di un cervello che cambia?

Viviamo in una società che, per motivi diversi, tende a sopravvalutare. La mancanza di tempo, la necessità di risultati immediati ci porta a usare le pillole in alcuni casi per alleviare i sintomi invece di lavorare dalla base del problema e quindi, per inibire il sintomo dalla base, dalla psicoterapia e dal cambiamento di I nostri circuiti di apprendimento.

Il fatto che il nostro cervello stia cambiando apre una moltitudine di porte. Se comprendiamo che le parole sono un tipo di esperienza quando incidono sulla persona, possiamo estrapolarne il fatto le parole come esperienza possono modificare il nostro cervello e quindi cambiare il modo in cui elaboriamo le informazioni Nel caso in cui ciò non sia positivo per il nostro benessere.

Parole come pillole per il nostro benessere

Come psicologo, trovo spesso che i pazienti che vengono nel mio ufficio non presentino un problema complesso in extremis. Occasionalmente, hanno acquisito un modo errato di elaborare le informazioni, e quindi un apprendimento che provoca disagio.

Ad esempio: se da bambino ho avuto un incidente d'auto, ma sono stato in grado di lavorare su quell'esperienza e confutare quell'apprendimento risalendo in auto e vedendo che le possibilità di avere un incidente sono poche, potrei sviluppare direttamente un fobia acquisita dal cattivo apprendimento per entrare in macchina.

Ciò che questo articolo ci consente, è ancora una volta di descrivere il lavoro che molte volte come psicologi svolgiamo: evocare l'esperienza vissuta negativa e reinterpretarla, essere in grado di reinserirla nella memoria in un modo diverso, eseguendo un esercizio di "reinterpretazione" di quella verità .

È importante essere consapevoli dell'apprendimento errato che commettiamo, poiché essere consapevoli di loro ci permetterà di rilevarli e quindi lavorare su di essi.

Le parole sono strumenti chiave per lavorare la nostra mente ed emergere una prospettiva più adattabile ed equilibrata per il nostro benessere.

Le parole sono abbastanza per cambiare il nostro cervello?

Ancora una volta vi incoraggio a comprendere la mente umana dalla sua complessità.

Le parole sono necessarie e spesso confortano il disagio, ma credere che cambiare il nostro apprendimento sia sufficiente per il nostro benessere, sarebbe un peccato semplicistico.

Il modo in cui elaboriamo le informazioni è la chiave del nostro benessere fisico ed emotivo, ma dobbiamo ricordare che le persone spesso non sono il risultato di un esercizio causa-effetto, ma che tra la causa e l'effetto ci sono molti altri fattori che stanno influenzando.

Riconosci che il cervello non è mai lo stesso due volte, sembra un finestra di speranza alla possibilità che tutti noi possiamo essere più vicini ogni giorno a ciò che genera in noi risorse e strumenti per sentirci equilibrati, soddisfatti e realizzati.

Come disse William Golding: “Dobbiamo rivendicare il valore della parola, un potente strumento che può cambiare il nostro mondo. "

Video: How to Stop Translating in Your Head and Start Thinking in English 9 Tips (Luglio 2020).